UNA CITTÀ n. 200 / febbraio 2013, RICORDIAMO LISA FOA

UNA CITTÀ n. 200 / febbraio 2013

Articolo di

RICORDIAMO LISA FOAUnknown-2.jpeg

Do me ni ca 20 gen na io pa ren ti e ami ci han no ri cor da to Li sa Foa nel gior no che sa reb be sta to il suo 90e si mo com plean no. Rin gra zia mo Bet ti na Foa per le let te re e la fo to.

To ri no 24/09/1939
Mio pa pa li no,
ie ri no no stan te aves si vo glia di fa re il mio chi lo po me ri dia no mol le men te sdra ia ta su una pol tro na del lo stu dio con un pia ce vo le li bro sot to gli oc chi, fui in ve ce co stret ta a in ter rom per lo a me tà e, pre si sot to il brac cio i po co pia ce vo li li bri, nel l’o ra più afo sa del la gior na ta a per cor re re mez za cit tà e, giun ta in via Pa ri ni 8, a sa li re ben due pia ni fa ti co si di sca le e ad en tra re in un’au la buia e pol ve ro sa e puz zan te per di più di ver ni ce fre sca.
Cer can do di as si der mi al la me glio sul le gno an go lo so dei ban chi, scam biai al cu ne con fu se im pres sio ni col le mie com pa gne in ten te a sfo gliaz za re i li bri per l’ul ti ma vol ta e quin di dal la mia so prae le va ta tri bu na as si stet ti al l’en tra ta trion fa le dei pro fes so ri: una as sor ta fi gu ra di fi lo so fo lun ga e al lam pa na ta, dal lo sguar do as sen te, una don net ta sal tel lan te e pe stan te i pie di che for se ve ni va dal l’a ve re scor ti ca to un cra nio per os ser var vi la po si zio ne del l’os so sfe noi de e lo sfi bra men to dei ner vi ot ti ci e na sa li ed in fi­ne un omet to zop pi can te, oc chi pic co li, na so ri vol to al l’in sù, baf fet ti sim me tri ci, mio ama to pro fes so re di ma te ma ti ca. Pe san te men te po sa ro no i lo ro scar ta fac ci sul la cat­te dra, si as si se ro sul le seg gio le e… in co min ciò la car ne fi ci na. Quan do ven ne il mio tur no, io che ave vo as si sti to al fia sco di una mia com pa gna spa ven ta ta e tre man te men tre sul vol to dei car ne fi ci (esclu so il fi lo so fo) pas sa va un ci ni co sor ri so di su pe rio ri tà e di di sprez zo, mi al zai ru mo ro sa men te e ru mo ro sa men te mi as si si im pu gnan do con for za la pen na: il sor ri so di su pe rio ri tà e di di sprez zo scom par ve dal vol to dei car ne fi ci men tre io in va den do me tà del ta vo lo in fil za vo una pro gres sio ne geo me tri ca. In­va no es si cer ca ro no di ri pren de re su pe rio ri tà op po nen do una ri di co la ob bie zio ne. Al fi ne uni ti cer ca ro no di adu lar mi af fer man do che ave vo ten den za per la ma te ma ti ca. Con un sor ri so di in fe rio ri tà e di di sprez zo mi al zai e mi ri ver sai per le stra de in mez zo al la vi ta cit ta di na. Tu pu re rac con ta mi dei tuoi esa mi ad ot to bre vi sto che non sei un pa dre che di ce: – ai miei tem pi.
Con tan ti ba ci af fet tuo si tua Li set ta

Ro ma, 14/10/1990
Ca ra Bet ti na, ie ri se ra, do po che ci era va mo par la te per te le fo no con Li set ta, sia mo usci te per an da re a fa re un po’ di shop ping e ho tro va to la tua let te ra del 3-4 ot to bre. Cer to, che mi ren do con to che la si tua zio ne nel vo stro pez zet to di mon do è as sai se ria.
Ed è ve ro che gli ame ri ca ni e i rus si non c’en tra no nien te. Ma ve di, io ho l’im pres sio ne che do po la gran de con te sa e il gran de con fron to in qua si tut te le aree del mon do, e che so no du ra ti mol to a lun go, sia no ri ma sti qua e là gros si spez zo ni di quel pas sa to del la con trap po si zio ne glo ba le, grup pi di ri gen ti o per so nag gi che han no or mai ac­qui si to quel l’im pron ta ideo lo gi ca – sol le ci ta ta an che dal “ter zo mon di smo” eu ro peo – for ma zio ni po li ti co-mi li ta ri da tem po av vez ze ad af fron ta re e ri sol ve re i pro ble mi per la via più spic cia che è quel la del le ar mi. È sta ta que sta la dram ma ti ca ere di tà, per lo più inat te sa, dei mo vi men ti di li be ra zio ne che han no pro iet ta to nel do po-guer ra, no no­stan te le lo ro in ten zio ni “pu ris si me”, un as set to au to ri ta rio di par ti to uni co e la pro pen sio ne a fa re co mun que la guer ra. Viet nam, Mo zam bi co, An go la, Ni ca ra gua so no giun ti al ter mi ne di quel l’e spe rien za fal li men ta re. Ma al tri an co ra ci vo glio no pro va re. E in più og gi c’è il fat to che, di fron te al la di sten sio ne Est-Ove st e al l’in dub bia
vit to ria, an che se pas si va men te ot te nu ta, del mon do oc ci den ta le ca pi ta li sti co su quel lo orien ta le so cia li sta, c’è chi vuo le a qual sia si co sto ri lan cia re una lot ta an tim pe ria li­sta, an ti a me ri ca na o an ti sio ni sta.
Una par te del mon do ara bo è de ci sa men te lan cia ta su que sta stra da, an che se l’i ra ke no è un ric co si gno re pie no di pe tro lio e so stie ne abu si va men te la cau sa dei di se re­da ti del mon do.
Ma gli er ro ri di Israe le gli fan no buon gio co. Per non par la re dei pa le sti ne si che con ti nua no a gio ca re su tan ti ta vo li e i cui di ri gen ti so no dei ric chi uo mi ni d’af fa re, a co min­cia re da Ara fat. Ci so no poi le tra me del l’al tro si gno re del pe tro lio Ghed da fi, che giun go no mol to lon ta no. Ti ave vo det to del la no stra de lu sio ne – mia, di An na ma ria e di Mar cel la – nel ve de re Mu se ve ni ad Ha ra re fre quen ta re qua si esclu si va men te Men ghi stu e Ghed da fi. Que sti si gno ri, ve den do co me è cam bia to il qua dro in ter na zio na le, può dar si che pun ti no ad ac cen de re il mag gior nu me ro pos si bi le di fo co lai, do vun que pos sa no esi ste re de gli ap pi gli o del le con di zio ni pro pi zie. E un mi lio ne di rwan de si pro fu ghi può es se re ap pun to una di quel le. Per que sto non pen so che quan to suc ce de nel pae se del le col li ne sia un fat to iso la to e va da sot to va lu ta to. Ma che pos sia mo fa re? Do po tut to ab bia mo con tri bui to tut ti un po’ a crea re que sta si tua zio ne, in par ti co la re la si ni stra eu ro pea che con ti nua a so ste ne re Ara fat e an che in par te Ghed da fi e ha sem pre giu sti fi ca to, quan do av ve ni va nel Ter zo Mon do, il ri cor so al le ar mi o ai nec kla ce. Ades so tut ti ap pog gia no As sad per ché è schie ra to be ne, an che se si è pap­pa to qua si tut to il Li ba no. Con tut te le ar mi che i pae si svi lup pa ti han no dis se mi na to nel mon do, chis sà quan to tem po an co ra du re ran no que ste sto rie. E d’al tra par te il neo co lo nia li smo di cui tu par li non fa che ali men ta re que ste po ten zia li cau se di con flit to.
Sta tran quil la che se guo la si tua zio ne, co me di ci tu, ma in real tà non fac cio che com pra re Le Mon de tut ti i gior ni e par lar ne con le no stre afri ca ni ste. Io non ho fe steg gia to la nuo va Ger ma nia, co me hai fat to tu con la gon na di As sad. Cer to, che la Rft è trop po vin cen te ma co sa po te va fa re vi sto che la Rdt era crol la ta? Se nel la Rdt aves se ro co min cia to a cam bia re le co se do po il pri mo scio pe ro del 1953, non sa reb be ro giun ti a quel pun to.
Avrò una set ti ma na pie na di vi si te me di che, se du te fi sio te ra pi che, ago pun tu re e ap pli ca zio ni ma gne to te ra pi che. Che non ser vi ran no a nien te, co sì poi po trò con ti nua re tran quil la men te a non cu rar mi per un po’, sen za più es se re sgri da ta da tut ti.

UNA CITTÀ n. 200 / febbraio 2013, RICORDIAMO LISA FOAultima modifica: 2013-02-13T19:00:16+00:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo