Sergio Falcone,f acevo da garzone di bottega di Aurelio Andreoli, cronista letterar

Facevo da garzone di bottega. Il garzone di bottega di Aurelio Andreoli, cronista letterario.
Poi, un dì, mi disse di fare da solo.
Mi insegnò l’arte, ma non mi aiutò mai ad entrare nei suoi ambienti. Li odiava.

tostaorzo.png
Lo ostacolavano in continuazione. I giornali di destra ed anche quelli di sinistra. Gli censuravano il lavoro a seconda delle convenzioni e delle comvenienze politiche del momento. Tant’è che decise di andarsene in pensione prima del tempo. Era arrivato a saturazione.

Come dissero giustamente i Situazionisti, l’ideologia è una palla al piede. E, se non erro, lo stesso Karl Marx, infinitamente più marxista dei suoi epigoni, la definì “falsa coscienza”. E quello è.

Alcune di quelle interviste furono pubblicate a suo nome. Ma l’autore ero io. Non mi avrebbero mai dato credito in quegli ambienti. Non so dire quali interviste. Alcune sono andate smarrite, altre hanno trovato posto in uno dei miei blog.
SonoScomodo.jpg
Aurelio era omosessuale. “Era” perché, dopo lunga malattia, è morto. Era ammalato di Aids. Sincero cristiano, pubblicò per la Marsilio “Il bacio di Francesco”. Con mia grande disapprovazione, lo presentò al Maurizio Costanzo Show, dove io non sarei mai andato. Nemmeno minacciato di morte.
Era un perbenista buono e disse che a contagiarlo fu una donna. Non era la verità.
Io, della sua malattia, non ne sapevo nulla e fu come uno choc. Mai e poi mai, in tutto quel tempo, mi fece delle avanches. Sapeva che sarebbero cadute nel vuoto, vista la mia eterosessualità.

Oggi mi manca. Era una delle persone migliori ch’io abbia mai incontrato.

Non è una sceneggiatura d’un film, di quelli che si fanno negli Stati Uniti. La nostra cinematografia è crollata. In America, almeno, mantengono una certa dignità. Noi, la dignità l’abbiamo perduta. Fellini mi sembrava troppo “goliardico” per i miei gusti. Oggi, se penso ai Moretti e ai Muccino, mi sembra un gigante assoluto.

Sergio Falcone,f acevo da garzone di bottega di Aurelio Andreoli, cronista letterarultima modifica: 2013-02-09T16:33:49+00:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo