Novembre – Federico Garcia Lorca

Novembre – Federico Garcia Lorca Tutti gli occhierano apertidi fronte alla solitudinelavata dal pianto.Tintan,tintan. I verdi cipressicustodivano la loro animaincrespata dal vento,e le parole come falcimietevano anime di fiori. Tintan,tintan. Il cielo era appassito.O sera prigioniera delle nubi,sfinge cieca!Obelischi e ciminierefacevano bolle di sapone. Tintan,tintan. I ritmi si curvavanoe il vento si curvava,guerrieri di nebbiafacevano degli albericatapulte. Tintan,tintan. O sera,sera … Continua a leggere

Riccardo Pietro Tammaro Bembo,Sognavamo nelle notti feroci

Riccardo Pietro Tammaro Bembo ha pubblicato qualcosa in So che non so ciò che so    Riccardo Pietro Tammaro Bembo    25 novembre   “Sognavamo nelle notti ferociSogni densi e violentiSognati con anima e corpo:Tornare, mangiare, raccontare.Finché suonava breve sommessoIl comando dell’alba:“Wstawac”;E si spezzava in petto il cuore. Ora abbiamo ritrovato la casa,Il nostro ventre è sazio,Abbiamo finito di raccontare.E’ tempo. Presto … Continua a leggere

APOCALISSE VATICANA: UNA DONNA ‘DENUNCIA’ L’IMMAGINARIO “COSTANTINIANO” DELL’INTERO ORDINE SACERDOTALE. “

<http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/Ratzinger/Interventi_1353868050.htm> FEMINICIDIO E ORDINE SIMBOLICO INCESTUOSO DEL CATTOLICESIMO COSTANTINIANO. “Elena anticipa quella che in epoche successive sarà la Regina Madre. Locandiera, legata a Costanzo Cloro cui darà un figlio, Costantino, fa di tutto perché questi diventi padrone dell’Impero: tesse rapporti, guida, consiglia. Verrà ricambiata: Costantino cingerà lei del diadema imperiale (invece della «traditrice» Fausta) introducendo nell’iconografia una coppia un po’ … Continua a leggere

Gianni Vattimo,Non serve filosofare davanti a un semaforo rosso

Non serve filosofaredavanti a un semaforo rosso da LA STAMPA Non c’è bisogno dei massimi sistemi per le leggi del vivere comune. Né di tirare in ballo l’etica come fanno i (neo?) realistiGIANNI VATTIMO Una affermazione di Richard Rorty che non è mai parsa più attuale suona: «Prendetevi cura della libertà, la verità si difenderà da sé». Ecco, nel gran … Continua a leggere

GIUSEPPE BAILONE,Spinoza: filosofia e religione

Spinoza: filosofia e religione   Spinoza distingue nettamente la filosofia dalla religione. “Tra la fede, ossia la teologia, e la filosofia non c’è alcuna relazione, ovvero affinità, cosa che chiunque conosca lo scopo e il fondamento di queste due discipline non può ignorare. Lo scopo della filosofia, infatti, non è altro che la verità, mentre quello della fede, come abbiamo … Continua a leggere

Armando Todesco, Il declino dei berluschini

 Il  declino dei berluschini Interessante e’ vedere che cosa sta succedendo nella Lombardia  dell’efficienza e nel Lazio sprecone dopo le dimissioni dei due presidenti .Sembra  che i due presidenti stiano facendo tutto il possibile per  arrivare all’obbiettivo  di   :non fare passare la ruggine sulla loro figura dopo che le dimissioni li porteranno  ai giardinetti con la loro pensione e a diventare … Continua a leggere

Pasolini,PROFEZIA da Alì dagli occhi azzurri

Profezia da Alì dagli occhi azzurri Da Alì dagli occhi azzurri, Garzanti, Milano 1996, pp. 488-493, 515-516.A Jean-Paul Sartre, che mi ha raccontato la storia di Alì dagli Occhi Azzurri     ……………………….Era nel mondo un figlio  ……………………….e un giorno andò in Calabria: ……………………….era estate, ed erano  ……………………….vuote le casupole,  ……………………….nuove, a pandizucchero,  ……………………….da fiabe di fate color  ……………………….della fame. … Continua a leggere

IL VIAGGIO DI “VIK” ARRIGONI, LE SCARPE DI PAPA RATZINGER E I VESTITI DEL CARDINALE BERTONE.

Gaza, 15 aprile 2011 …IL VIAGGIO DI “VIK” ARRIGONI, LE SCARPE DI PAPA RATZINGER E I VESTITI DEL CARDINALE BERTONE. Una nota di Angelo d’Orsi e una di Andrea Tornielli(…) una foto di papa Ratzinger che in visita in Africa sfoggia un paio di meravigliose scarpette rosse firmate Prada. Vik la pubblicò, mettendole accanto l’immagine di un Gesù in croce, … Continua a leggere

L CIELO VUOTO E NOI IGNOTI A NOI STESSI. Una ‘risposta’ di Vito Mancuso

ANTROPOLOGIA E TEOLOGIA. LA CECITA’ DEL DESIDERIO, LA NEGAZIONE DELL’ALTRO, E “LA VITALITA’ DELLA NOSTRA ESISTENZA”: “ECCE HOMO. Come si diventa ciò che si è” (Nietzsche).IL CIELO VUOTO E NOI IGNOTI A NOI STESSI. Il cristianesimo, l’etica e l’Occidente. Una ‘risposta’ di Vito Mancuso all’ultimo saggio di Umberto Galimberti – con alcune noteL’incarnazione quale centro del cristianesimo infatti va speculativamente … Continua a leggere